Otturazione o capsula? Esiste la giusta via di mezzo: l’intarsio dentale

Il tuo dentista ti ha proposto un’otturazione indiretta? Non sei convinta della capsula e stai cercando il giusto compromesso? Ecco la giusta via di mezzo: l’intarsio dentale.


Indice:

  1. L’intarsio dentale
  2. Tipologie
  3. Procedura
  4. Vantaggi
  5. Svantaggi
  6. Costo

L’intarsio dentale

L’ intarsio dentale è una tipologia di ricostruzione dentale che oggigiorno sta sempre più prendendo piede nel mondo dell’odontoiatria conservativa.

Si tratta di una vera e propria otturazione indiretta, fatta dal laboratorio, che si utilizza quando non è possibile nè eseguire una otturazione standard poichè la materia dentale sana è troppo poca, nè una capsula in quanto sarebbe troppo drastico, destruente ed invasivo.

Si utilizza principalmente per i denti posteriori (molari e premolari), dove è più comune che la cavità da trattare sia di grandi dimensioni.

conservativa indirettaQuesta procedura si sviluppa in sole due sedute. Nella primadopo la rimozione della carie, della vecchia otturazione difettosa, o dell’antiestetica amalgama, la cavità del dente (vitale o devitalizzato) viene preparata. Nella stessa seduta, viene anche presa l’impronta di precisione in silicone, da inviare al laboratorio.

Nel frattempo la cavità viene temporaneamente chiusa con una pasta provvisoria.

Tipologie

Esistono tre tipologie di intarsio dentale:

  • inlay
  • onlay
  • overlay

tipi di intarsio dentale

Inlay

L’inlay è un intarsio che ricostruisce la parte interna del dente, escluse le sue cuspidi.

È la tipologia di ricostruzione indiretta che viene realizzata in casi di carie di piccole dimensioni.

Può essere realizzato in vari materiali: metallo, composito o ceramica.

Onlay

L’onlay serve a ricostruire un dente nella sua porzione interna, comprensiva di una o due cuspidi.

Anche qui si tratta di denti caratterizzati dalla presenza di cavità cariose, più estese di quelle richiedenti l’inlay.

Overlay

L’overlay è la tipologia di intarsio più estesa e consiste in una vera e propria ricopertura cuspidale.

Questa tecnica viene adottata in caso di elementi dentari particolarmente compromessi che però non richiedono una capsula dentale.

La procedura

La fase iniziale di realizzazione di un intarsio dentale è la medesima di quella per una otturazione dentale.

Il primo step coincide con la prima seduta del paziente e consiste nella rimozione del materiale carioso e nella preparazione della cavità. 

Successivamente verrà rilevata l’impronta delle arcate dentarie mediante tecniche di impronta digitale o convenzionale, per poi consegnare i modelli in laboratorio.

impronta dentale

Il secondo step è la consegna del manufatto al dentista che procederà alla cementazione utilizzando una speciale procedura adesiva e un sottilissimo film di cemento composito.

Verrà eliminato ogni spazio intermedio, in modo da ridurre quasi totalmente il rischio infiltrazione batterica. Si effettuerà inoltre il controllo della giusta occlusione dentale in modo da evitare traumi all’articolazione.

Il colore viene scelto in base a quello del dente da restaurare e dei denti vicini, in modo da avere un effetto naturale. Con l’intarsio verrà ricostruita con estrema precisione estetica, la parte mancante del dente.

Vantaggi

  • Il colore dell’intarsio viene scelto in base alla colorazione dei denti circostanti in modo tale da effettuare esteticamente un lavoro impeccabile;
  • Elevata precisione nella chiusura marginale;
  • Ottima durata nel tempo;
  • Risparmio di tessuto dentale;
  • Ottima biocompatibilità.intarsio dentale

Intarsi dentali….e svantaggi

  • Costo più elevato rispetto ad una corrispettiva otturazione in composito;
  • Necessarie due sedute di trattamento.

Quanto costa l’intarsio dentale

Sono dei trattamenti ancora abbastanza costosi, in media sui 600 euro. Come al solito il nostro SSN rimborsa solamente il 19% delle spese odontoiatriche al lordo della franchigia di 129,11 euro. Bisogna sapere tuttavia che queste protesi hanno un’eccellente tenuta nel tempo e proteggono integralmente il dente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *